Giorno del dono IID

 

Manca poco al convegno "L'Italia che dona", in occasione del quale verrà lanciato ufficialmente il Giorno del Dono 2016, svelando programma, strumenti e protagonisti dell'iniziativa nazionale che ancora una volta vuole valorizzare il dono in tutti i suoi aspetti culturali, sociali ed economici. L'appuntamento è per venerdì 10 giugno alle ore 10:00, presso l'Auditorium Assolombarda di Via Pantano 9 a Milano, con molte novità tutte in vista del #DonoDay2016.

“All’evento parteciperanno i protagonisti dell’edizione 2016: i rappresentanti del mondo della società civile, delle imprese, del Terzo Settore, tutti a testimoniare l’impegno verso un cambio culturale che mette al centro la gratuità come spinta per l’avvio di relazioni sane e positive, alla base di una società democratica aperta e responsabile.” Cosi Edoardo Patriarca, Presidente dell'Istituto Italiano della Donazione (IID), ci introduce a DonoDay 2016. Patriarca infatti aprirà i lavori presentando lo stato dell’arte sulla seconda edizione del Giorno del Dono.

Tra i protagonisti vedremo Luigi Bobba, Sottosegretario Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, il quale presenterà le novità presenti nella Riforma del Terzo Settore appena approvata, soprattutto per quanto riguarda le donazioni e le agevolazioni previste.

Anche Diana Bracco, Presidente Fondazione Sodalitas, porterà il suo contributo, dando voce al mondo delle imprese socialmente responsabili, da anni sempre di più protagoniste nel trovare soluzioni innovative insieme al Terzo Settore per la risoluzione di problemi sociali.

Tra i rappresentanti del Terzo Settore, interverranno Pietro Barbieri, Portavoce Forum del Terzo Settore e Stefano Tabò, Presidente Csvnet.

Non mancherà il punto di vista delle fondazioni bancarie, da sempre sostenitrici dell’IID: Marco Demarie per la Compagnia di San Paolo e Dario Bolis per la Fondazione Cariplo.

Tra gli ospiti anche Nicoletta Parisi, Membro del Consiglio dell'Autorità Nazionale Anticorruzione (ANAC), Adriano Coni, Responsabile Segretariato Sociale Rai e Massimo Ciampa, Segretario Generale Mediafriends.

Durante l’evento Cinzia Di Stasio, Segretario Generale IID, presenterà le diverse modalità per aderire al Giorno del Dono rivolte a tutti: scuole, comuni, territori, semplici cittadini, associazioni e onlus. Attraverso una piattaforma dedicata, studiata probono insieme a Nonprofit Solutions, partner tecnico dell’iniziativa, tutto il paese sarà chiamato a raccontare la propria esperienza di dono e ad organizzare iniziative nelle due settimane del dono dal 26 settembre al 7 ottobre. L’IID costruirà la mappa dell’Italia che Dona, raccogliendo e valorizzando le iniziative sul territorio che risponderanno alla chiamata.

La moderazione dell’evento è a cura di Giovanna Rossiello, conduttrice di Tg1 fa la cosa giusta, Media partner dell’iniziativa.

E’ già stato riconfermato il patrocinio di Anci, Miur, Città Metropolitana di Milano ed è stato ottenuto il nuovo patrocinio di Segretariato Sociale Rai e ACRI.

Inoltre durante l’evento verrà lanciata ufficialmente la partnership con il Banco Popolare. Il gruppo bancario infatti, già socio sostenitore di IID, ha deciso di aderire al Giorno del Dono sostenendo economicamente le attività per il 2016.

Saranno Media partner, oltre a Tg1 fa la cosa giusta, anche Avvenire, Vita, Redattore Sociale, Altreconomia, Volontariato Oggi, Skuola.net, Il Giornale della Protezione Civile, Felicità Pubblica.

 

Comunicato stampa ricevuto dall'Istituto Italiano della Donazione

 

Chi è il fundraiser

Scopri chi è realmente il fundraiser, le diverse tipologie e le mansioni.

Scopri
 

Diventa socio

Vuoi entrare a far parte del network dei fundraiser italiani? Scopri come fare.

Scopri
 

Scopri i soci

Fai una ricerca tra tutti i soci e mettiti direttamente in contatto.

Scopri
 

Rinnova la tessera

Versare la quota annuale o fare una donazione è molto semplice.

Scopri

Questo sito utilizza i cookie che permettono di migliorare la tua navigazione. Proseguendo autorizzi l’uso dei cookie.
Per maggiori informazioni, o per modificare le preferenze leggi la nostra Informativa sulla Privacy